Login

Nome utente:

Password:


Password persa?

Foto dall'Album

La veneziana Colombina
Minturno nel cuore del tramonto

Social Network

Il mio Canale

Il mio Profilo 

Seguimi su FACEBOOK

Cerca nel Sito

Contatore visite


• Frammenti : Frammenti - Raccolta di Poesie 1995/2003 - di Antonio Pellegrino
Inviato da Antonio Pellegrino il 16/9/2008 18:00:00 (580 letture)

PRESENTAZIONE


Frammenti             I temi fondamentali della poetica di Antonio Pellegrino sono collocabili nella ricerca delle radici primordiali del “desiderio amoroso inteso come assoluto” e nell’analisi puntigliosa dei motivi che sono alla base del dramma di vivere dell’uomo contemporaneo, che sembra smarrito, privo com’è di qualunque punto di riferimento e chiuso, ermeticamente chiuso, in una attanagliante inquietudine che lo agita continuamente e lo rivolta nel moto perpetuo di una sofferente solitudine, capace di fargli toccare con mano l’evidenza assoluta del vuoto.             L’amore, il sentimento per eccellenza, che, dai primordi dei tempi, ha sempre legato l’individuo a se stesso e a tutte le altre creature e cose, è oggi tinto di interessi, abbarbicato nel potere, abbracciato al danaro.  E’ proprio l’amore, dunque, ambiguo legame di cielo e di inferno, che chiude nel suo involucro bene e male, sublime ed infinito, che genera nel poeta un costante conflitto, che diventa poi la base scatenante della sua ispirazione, quindi dei suoi versi.  Egli insegue con irruenza passioni, amori, speranze, ma, quando crede di averli raggiunti, se li vede sfuggire, li vede perdersi in un inesprimibile vortice, molto simile ad un cosmico buco nero.  Allora se ne allontana e si rifugia nel sogno, che è l’altro risvolto della vita, l’unica possibile, perché riesce ad evadere il subdolo e ingannevole gioco delle maschere della quotidianità. E nel sogno il poeta ritrova, per frammenti di tempo, la libertà, il possesso pieno di sé, delle sue passioni più cocenti e coinvolgenti, tutto si personifica in un incrocio continuo di immagini liberate dalla schiacciante censura della ragione.  Ma il sogno contraddice la verità della ragione. Esso è, pertanto, proiezione fuggevole dell’anima, è pure esso mutevole come le nubi: e nel poeta ritorna, con il risveglio, l’eterno conflitto con se stesso, quella struggente  e  malcelata  malinconia  del vivere che gli fa dire: “Io non ho nulla/ ogni radice è spiantata,/ non ho famiglia/ né paese,/ non ho amici,/ nessun cuore che mi pensi,/ nessun porto che mi attenda.             Fanno da corollario all’intero impianto poetico il senso della vita e quello della morte, il senso delle cose, perse, quasi smarrite sotto il velo sinuoso dell’anima, che rimane il grande mistero, mai svelato, dell’esistere.             Quelle del Pellegrino sono poesie che scolpiscono del nostro tempo, con feroce stigmaticità, i simulacri della vita, le maschere che fanno da copertura della verità smarrita, dell’infinito disorientamento dell’uomo contemporaneo in un mondo che non ha altri punti di riferimento se non la mercificazione del tutto. 



Cosimo Formichella   


PREMESSA DELL’AUTORE



In un’epoca dominata dall’informatizzazione del tutto, in un’epoca in cui si naviga fra schede e microprocessori, in un’epoca in cui il valore del “sentimento” è stato definitivamente ridimensionato al cinico mercato degli interessi, del potere, del danaro, in un’epoca in cui i cuori sono schiacciati nella solitudine più radicale, l’inesistenza dell’Essere, privato dei suoi punti di riferimento più alti, non può che parafrasare “inessenze”, vuoti esistenziali, “sogni nevralgici” di immagini sagomate, ridotte a scheletri marmorei di un tempo dell’anima, ormai negato, seppellito da caotici eventi.             E il poeta non può più “evocare” se non la verità del dramma, la verità della frattura, la verità assoluta dell’impotenza, la verità della paralisi, la verità di una “parola” naturalizzatasi al segmento, all’attimo, la verità della rottura della continuità del discorso, ridimensionato a  frammenti di pause, di sussulti, di enigmatici salti di umori e di sentimenti, di ansie di amori impossibili. E dominante diventa il lessico dell’alternativa al vivere reale: “Invisibile presenza” – “Riappaiono fantasmi” – “E divoro la tua mente” – “Odori di pensieri” – “Sagome di ricordi” – “Ombelicali sentieri” – “Fra allusioni di inibite emozioni” – “La sua immagine di sogno” – “L’inerzia del pensiero drogato di nulla” – “Nel tuo involucro umano sei solo materia”.             La sola speranza di vita è nel recupero della libertà, nel bagno dentro al “logos” dell’io, riesumato alla propria identità, sciolto dalla schiavitù della censura dei desideri radicali più avvertiti. Così la “parola”, unico “segno incarnato”, si fa testimone definitivo di presenze pensate come reali, perché realmente avvertite e vive, vive nel corpo e in tutto il loro essere. La parola, quindi, segno unico dell’unica “essenza possibile”: il sogno. 



Antonio Pellegrino    


Acquisto libri

Lontana è la primavera
Antonio Pellegrino
LONTANA E' LA PRIMAVERA
Book Sprint Editore - 2012
€ 12.30

Clicca sulla copertina
per l'acquisto del libro
on line



Altri racconti
Antonio Pellegrino
ALTRI RACCONTI
Aletti Editore -  2012
€ 14.00

Clicca sulla copertina
per l'acquisto del libro
on line



Immacolata Solitudine

Antonio Pellegrino
IMMACOLATA SOLITUDINE
Albatros -  2011
€ 11.50

Clicca sulla copertina
per l'acquisto del libro
on line



Itinerario verso l'io 
Antonio Pellegrino
ITINERARIO VERSO L'IO
Albatros -  2010
€ 12.50

Clicca sulla copertina
per l'acquisto del libro
on line