Login

Nome utente:

Password:


Password persa?

Foto dall'Album

Pulcinella
Minturno - Risacca

Social Network

Il mio Canale

Il mio Profilo 

Seguimi su FACEBOOK

Cerca nel Sito

Contatore visite

• Cultura : LONTANA E' LA PRIMAVERA, Book Sprint Edizioni, 2012: è l'ultima silloge di Antonio Pellegrino, in libreria da oggi 30 ottobre.
Inviato da Antonio Pellegrino il 30/10/2012 14:00:00 (2256 letture)






mmm







primaveraInizia da oggi il cammino di promozione del nuovo libro di Antonio Pellegrino edito da Book Sprint Edizioni. La sua dodicesima pubblicazione (la settima silloge) viene qui presentata dall'autore stesso.

“Lontana è la primavera”, l’ultimo dei miei lavori, credo rappresenti la radiografia fedele – la sintesi o l’analisi, secondo come si voglia intendere – dello stato presente del mio spirito, dello stato di quanto mi circonda, dello stato di quanto il mondo e le cose mi abbiano suggestionato in passato, di quanto siano in grado di suggestionarmi ancora, di quanto mi potrebbero ulteriormente suggestionare lungo il complicato cammino di riflessione che dura, ormai, da una vita.

Lo scorrere dei versi contempla la rappresentazione della visione dell’itinerario di avvicinamento, lento ma graduale, a una maturazione auspicata, a un approdo agognato, l’approdo a un vedere da sempre inseguito nei sogni: vedere il momento del crollo della maschera; vedere il momento dello sgretolamento dei riti e dei giochi della finzione esistenziale; vedere il momento della riconciliazione con il Tu, con quella parte ancora recondita dell’Io che continua a lanciare segnali del suo bisogno di nascere, del suo bisogno di crescere, del suo bisogno di emergere finalmente alla superficie di un mondo che ancora lo ignora, di un mondo che ancora lo relega nella solitudine e nella immobilità, di un mondo che lo rende silente e ripiegato su se stesso, dolorante per il dolore esistenziale che vede crescere oltre di sé; vedere, infine, l’esplodere della primavera con l’intero corredo del suo rigoglioso manto di vita:



Naturale sponda delle mie incorporee visioni,

scorri nell’alveo tormentato del mio ventre

come acqua pura di sorgente,

perennemente in moto,

a sfidare gli accidentati argini

dell’anima mia alla deriva.





primavera_Intanto quel Tu vive di me, si alimenta al mio stesso destino di esule, pasce, come pecora smarrita, in radure aspre, si lamenta della sua forzata prigionia, delle costrizioni a cui il mondo lo asservisce e gli blocca il respiro, gli mozza le ali che anelano al bisogno di librarsi nel volo e di esplorare le celesti praterie colorate dai mille e mille riflessi di orizzonti sterminati. Ma è un bambino ancora quel Tu, è ancora legato al cordone ombelicale, è l’embrione di un essere e di un’essenza negati dalla cultura dominante e artatamente abortiti da processi educativi obsoleti, fatiscenti, nemici dichiarati del concetto di identità inteso come logos, unico possibile, dell’assoluta incontaminazione. Per questo – ancora ombre di noi stessi – ciascuno chiuso nel suo smarrimento, vaghiamo in attesa di una resurrezione che solo per qualcuno avverrà e sarà per lui il passaggio, la Pasqua della mente e dello spirito, il potente respiro del corpo, parte anch’esso di quanto siamo:



E attende,

attende e tace nel silenzio della notte.







È dalla rivolta del poeta al rischio incombente del plagio collettivo, è dalla riscoperta della sua sacerdotale funzione – rispetto alla sacralità dell’individuo – che si può dare inizio a un modo diverso di essere dell’uomo, a una umanità nuova, a una fase rigenerata della storia, della cultura e della civiltà. La poesia, nel cammino di riconversione dell’attuale modello di esistenza, ha un ruolo imprescindibile, è da essa che deve partire l’annuncio della grande novità: la nascita o la resurrezione dell’individuo attraverso l’esplosione della parola. Quest’ultima, dunque, è il soggetto prescelto per l’inizio dell’esodo da una schiavitù di dimensione cosmica, è essa l’autentica rivelazione, è il verbo incarnato, è il mezzo e il fine di un radicale mutamento, è l’inizio e la fine di ogni cambiamento, è la legittima genitrice di quel Tu che è la sede dell’Io autentico.



Con ansia attendo, solitario

nel mio deserto immacolato,

il sorgere dei primi raggi

dell’altra incandescente sfera

foriera della magia dell’Aurora

e di riflessi caldi e alati sull’irrigidita Terra.







I versi trovano il loro naturale alloggiamento in una partitura metrica di semplice fattura, priva, il più possibile, di orpelli, di sofisticazioni o di sperimentazioni lessicali e strutturali a effetto, volutamente sciolta da elementi restrittivi e obbliganti: il canto si origina dalla scelta delle parole e dalla loro disposizione, mentre le strofe – che simulano una sequenzialità cinematografica  - coincidono sempre con una sola immagine, un quadro fatto di parole, capace di evocare – attraverso alchemiche ombreggiature – del poeta e del mondo (che attraverso lui si rivela) i grandi dolori, le incomprensioni, ma anche le grandi passioni, le alate aspirazioni, i potenti aneliti, la fede in una speranza ancora possibile.



Incombe improvvisa

una carezza di maestrale

tra i bronzei riflessi

del tenue crepuscolo

foriero d’una notte

densa di stelle.









Lascio ai lettori queste mie note come atto d’inizio di un muto e prolifico dialogo, come desiderio avvertito di un non impossibile incontro silenzioso di anime nel pieno del buio di una notte che ancora avvolge e nasconde gli anelanti spiriti.



Antonio Pellegrino



N. B. - Il libro è reperibile, anche nel formato e-book, presso la Casa Editrice al seguente link: 



http://www.booksprintedizioni.it/libr ... ia/lontana-e-la-primavera



Accedendo alla pagina sarà possibile:

prendere visione dei dati tecnici e di contenuto della pubblicazione;

trovare notizie sull'autore;

visionare un'anteprima del libro,

acquistare il libro cartaceo;

acquistare l'e-book del libro e scaricarlo immediatamente;

segnalare con un voto il libro cliccando sul triangolino rosso posto nell'angolo in alto a destra della pagina, seguendo poi le successive istruzioni per la convalida del voto attribuito;

intervernire aggiungendo un proprio pensiero o una nota critica.




In una fase successiva (7 / 8 giorni circa) il libro sarà reperibile:



nelle librerie on line, anche nel formato e-book;

nelle librerie convenzionate con la Casa Editrice Book Sprint (presenti sul territorio della Campania e non solo);

ordinabile, da catalogo, in qualsiasi altra libreria italiana;

sul territorio della Valle Telesina potrà essere acquistato - con prenotazione da catalogo - presso le più note librerie ed edicole di cui il territorio stesso è fornito.



 Nel link che segue una intervista ad Antonio Pellegrino:



http://vitadadonna.com/16961/poesia-a ... a-primavera%E2%80%9D.html


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news


Segnala questa news


Acquisto libri

Lontana è la primavera
Antonio Pellegrino
LONTANA E' LA PRIMAVERA
Book Sprint Editore - 2012
€ 12.30

Clicca sulla copertina
per l'acquisto del libro
on line



Altri racconti
Antonio Pellegrino
ALTRI RACCONTI
Aletti Editore -  2012
€ 14.00

Clicca sulla copertina
per l'acquisto del libro
on line



Immacolata Solitudine

Antonio Pellegrino
IMMACOLATA SOLITUDINE
Albatros -  2011
€ 11.50

Clicca sulla copertina
per l'acquisto del libro
on line



Itinerario verso l'io 
Antonio Pellegrino
ITINERARIO VERSO L'IO
Albatros -  2010
€ 12.50

Clicca sulla copertina
per l'acquisto del libro
on line